Kamisama Hajimemashita

Tempo di lettura: 5 minuti
Kamisama Hajimemashita, recensione di Shoujo Love

Titolo originale: Kamisama Hajimemashita
Categoria: Serie TV
Genere: Comedy,Drama, Fantasy, Harem, Romance, School Life, Supernatural
Serie Collegate:
❤️ Kamisama Hajimemashita (OVA-2 ep.)
❤️ Kamisama HajimemashitaKako-hen/Kamisama Kekkon Zenya (OVA-5-ep.)
Tratto da: Kamisama Kiss di Julietta Suzuki
Inedito in Italia ??
Rating: ? Adatto a tutti
Voto: 9

Trama

Nanami Momozono è una giovane liceale, che tornando a casa, si ritrova sfrattata bruscamente!

Scopre difatti, che il padre, giocatore d’azzardo accanito, è scomparso dopo aver usato tutti i soldi a loro disposizione, lasciando Nanami senza un tetto sotto cui vivere.
La giovane prende il poco che le resta e va nel parco, cercando una sistemazione momentanea. Di lì a poco vede un uomo spaventato a morte da un cane, che chiede aiuto proprio a lei. Nanami interviene subito, scaccia il cane, e salva il pover uomo!
Sorpreso di vedere una ragazza a quell’ora di notte nel parco, l’uomo le chiede come mai si trova lì. Venuto a conoscenza della triste storia di Nanami, il misterioso uomo, per ringraziarla di averlo salvato, con un bacio sulla fronte, decide di cederle la sua dimora!

Naname e Tomoe, protagonisti dell'anime Kamisama Hajimemashita
Naname e Tomoe, protagonisti dell’anime Kamisama Hajimemashita

Nanami non fa in tempo a ringraziarlo che l’uomo scompare. Quando va all’indirizzo indicato, scopre che si tratta di un tempio quasi in rovina. Ad accoglierla, trova due strani tipi, Onikiri e Kotetsu, e un giovane che ha orecchie e coda di volpe!

Quest’ultimo è Tomoe, demone volpe, familiare del tempio o meglio di Mikage, la divinità della Terra. Proprio Mikage è il misterioso uomo salvato da Nanami, che, con quel bacio sulla fronte, le ha passato i propri poteri!

Nanami accetterà le sue nuove responsabilità? E Tomoe accetterà di diventare il familiare di Nanami, risollevando così il Tempio dal suo stato di decadenza?

Personaggi

Nanami Momozono

Nanami Momozono, protagonista dell'anime Kamisama Hajimemashita
Nanami Momozono

Tomoe

Tomoe, protagonista dell'anime Kamisama Hajimemashita
Tomoe

Onikiri e Kotetsu

Onikiri e Kotetsu, protagonisti dell'anime Kamisama Hajimemashita
Onikiri e Kotetsu

Mizuki

Mizuki, protagonista dell'anime Kamisama Hajimemashita
Mizuki

Shinjiro Kurama

Shinjiro Kurama, protagonista dell'anime Kamisama Hajimemashita
Shinjiro Kurama

Numano Himemiko

Numano Himemiko, protagonista dell'anime Kamisama Hajimemashita
Numano Himemiko

Mamoru

Mamoru, protagonista dell'anime Kamisama Hajimemashita
Mamoru

Kirihito

Kirihito, protagonista dell'anime Kamisama Hajimemashita
Kirihito

Mikage

Mikage, protagonista dell'anime Kamisama Hajimemashita
Mikage

Ryuuou Sukuna

Kamehime e Ryuou Sukuna, personaggi dell'anime Kamisama Hajimemashi
Kamehime e Ryuo Sukuna

Kamehime

Isobe, protagonista dell'anime Kamisama Hajimemashita
Isobe

Kei Ueshima

Kei Ueshima, protagonista dell'anime Kamisama Hajimemashita
Kei Ueshima

Ami Nekota

Ami Nekota, protagonista dell'anime Kamisama Hajimemashita
Ami Nekota

Ookuninushi

Ookuninushi, protagonista dell'anime Kamisama Hajimemashita
Ookuninushi

Otohiko

Otohiko, protagonista dell'anime Kamisama Hajimemashita
Otohiko

Botanmaru

Botanmaru, protagonista dell'anime Kamisama Hajimemashita
Botanmaru

Jiro

Jiro, protagonista dell'anime Kamisama Hajimemashita
Jiro

Suirou

Suirou, protagonista dell'anime Kamisama Hajimemashita
Suirou

Yachou

Yachou, protagonista dell'anime Kamisama Hajimemashita
Yachou

Anime VS Manga

⚠️ Attenzione a possibili spoiler

Kamisama Hajimemashita – Anime

  • Fortunatamente, l’anime non si discosta dalla versione stampata per le puntate realizzate.
Differenze tra l'anime Kamisama Hajimemashita ed il manga Kamisama Kiss

Kamisama Kiss – Manga

  • La storia ripercorre la serie animata per le puntate trasmesse.

Opinioni

A cura di Piripò

Storia: 9
Originalità: 9
Disegni: 8

⚠️ Le opinioni contengono spoiler

La trama è innovativa, ed è curioso vedere come la protagonista si affacci al mondo delle divinità e degli yokai. Inoltre non dimentichiamoci che è uno shoujo, quindi assistiamo a importanti e delicati momenti romantici, che aspettiamo con grande fervore.
Un anime che da questo punto di vista ci fa sudare un po’ (ma qualche volta ci vuole!) per creare una grande storia d’amore!
La prima stagione ci presenta i protagonisti principali, e ce li fa conoscere tra presente e passato, permettendoci di vedere l’evoluzione delle loro personalità. Vediamo così Tomoe, burbero e diffidente, e Nanami, sempre pronta ad aiutare l’altro, forte e autonoma, per via del suo passato difficile, in cui si è sempre dovuta rimboccare le maniche.
Nella prima stagione, conosciamo personaggi che diventano spesso fedeli amici di Nanami, come Himemiko e Kotaro, che ritroveremo nei successivi OVA, oppure Kurama, sempre presente e pronto a correre in aiuto di Nanami, come quando la aiuta a salvare Tomoe, che, in seguito a una brutta febbre causata da un’altra divinità, assume le sembianze di un bambino.
I personaggi di contorno determinano lo sviluppo della storia, ma aiutano anche Nanami a crescere come persona e, soprattutto, come divinità. In questo senso vanno letti anche i flashback e gli intrecci tra passato e futuro.
Questo anime ci racconta lo sviluppo di grandi amicizie e che cosa significa essere presente nei buoni e cattivi momenti. Amicizie che hanno il loro centro nella favolosa e altruista Nanami, che riesce a conquistare un po’ tutti.
Alla fine della prima stagione, Nanami, che, da principio, fatica ad avere un familio, si ritrova con ben due aiutanti. Entra infatti in scena Mizuki, che, con la sua ampolla e il suo incenso magico, apre la possibilità dei viaggi nel passato. Questa sua capacità sarà fondamentale per salvare la vita a Tomoe o liberarlo dalla prigionia.
Un altro familio arriva nella seconda stagione. Otohiko regala infatti a Nanami un uovo dal quale esce la scimmietta Momoru. Sorprese su sorprese in questo anime!
Su tutto, comunque, aleggia più di un mistero. Per esempio, la funzione di Mikage viene svelata poco alla volta nel corso dell’anime, e appare chiara solo nell’OVA Kako-Hen.
Quindi finiamo i primi 13 episodi pieni di curiosità per i misteri ancora da svelare: il passato di Tomoe, naturalmente, ma anche se e come Nanami riuscirà a conquistarlo.
La seconda stagione ci regala subito una Nanami più forte, che dovrà dimostrare di essere una vera divinità.
Vediamo subito anche che Tomoe è più affezionato a lei. Ci sono quindi i presupposti per un’evoluzione dei suoi sentimenti, e, nello stesso tempo, cominciamo a sapere qualcosa dei ricordi del suo vecchio master Mikage, simboleggiati dalla presenza di una farfalla.
L’evoluzione di Tomoe risulta subito evidente, per esempio quando non capisce i propri sentimenti per Nanami, oppure quando ritorna a essere uno yokai senza legami, per salvare Nanami dall’altro mondo, combattendo con la divinità della Guerra, Takehaya.
Sulla seconda stagione incombe l’ombra oscura della presenza dell’indecifrabile Rihito, un umano posseduto dallo spirito del demone più forte di tutti tempi, che vuole vendicarsi di Tomoe, suo vecchio compagno di battaglia. Naturalmente, noi curiosi vogliamo sapere perché, chi è, cosa vuole, e, soprattutto, cosa prova per Nanami che lo salva più di una volta…
Misterioso è anche l’arrivo di Yacho, il cui scopo si chiarisce e non si chiarisce anche alla fine. Le note comiche, comunque, non vengono mai meno. Spesso riguardano Tomoe e Nanami, impegnata nei suoi compiti da divinità, ma non mancano nemmeno per gli altri personaggi.
Nella seconda stagione, Mikage diventa più presente e la sua funzione si fa più chiara: scopriamo infatti che vuole spingere Tomoe, che considera gli umani effimeri e inutili, a legarsi a Nanami anziché a lui. Si chiarisce anche che gli eventi occorsi a Nanami sono serviti per farle esercitare i suoi poteri, così da poter aiutare Tomoe in futuro.
Bellissimo come Tomoe si scopre innamorato di Nanami (cosa che non avviene prima del 16mo/17mo episodio!). La rivelazione gli viene dalla bocca del serpente Mizuki, che gli apre gli occhi sui suoi sentimenti, dando inizio così a una serie di nuove situazioni imbarazzanti e divertenti.
Dalla prima stagione, in cui l’amore di Nanami era non corrisposto, passiamo dunque alla progressiva presa di coscienza di Tomoe. Vediamo l’amore formarsi lentamente, creando le fondamenta per un legame duraturo ed eterno.
Ci affezioniamo così tanto a questi personaggi che viene voglia di rivedere la serie più volte. E anzi, forse non ci basta nemmeno quello! Per fortuna ci sono alcuni OVA extra, che sono anche risolutivi delle vicende rimaste in sospeso, come Kako-hen e Kekkon zenya.
Un anime consigliatissimo, con storie esilaranti, intrecci perfetti, misteri svelati al punto giusto. Un anime che ci regala molte soddisfazioni, ma soprattutto un ending atteso e decisamente azzeccato. O forse poteva andare bene anche un finale alternativo, in cui Tomoe rimane yokai e Nanami diventa una yokai… ahahah!
No, la fine è azzeccatissima!
Consigliatissimo!

Anime Giapponese

Titolo originale: Kamisama Hajimemashita
Titolo Kanji: 神様はじめました
Anno: 2012
Stato: Concluso, 13 episodi

Titolo originale: Kamisama Hajimemashita ◎
Titolo Kanji: 神様はじめました◎
Anno: 2012
Stato: Concluso, 12 episodi

Colonne Sonore

Soundtrack Giapponese

Opening

Kamisama Hajimemashita, di Hanae (prima serie)
Kamisama no Kamisama (神様の神様; God of God), di Hanae (seconda serie)

Ending

Kamisama Onegai, di Hanae (prima serie)
Kamisama Onegai, di Daisuke Kishio (ep. 10) (prima serie)
Ototoi Oide (おとといおいで;Come Another Day), di Hanae (seconda serie)


Credits

Fonte consultata: Julietta Suzuki, Kamisama Kiss, TMS Entertainment, 2012

Summary
Article Name
Kamisama Hajimemashita
Description
La recensione dell'anime di Kamisama Hajimemashita con trama, personaggi, differenze anime e manga, opinioni, info anime giapponese e colonne sonore.
Author
Publisher Name
Shoujo Love
Publisher Logo

0 Commenti

Scrivi un commento, facci sapere la tua opinione 🙂

XHTML: Puoi usare i seguenti tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>