Butterfly Effect e Aoi Hana: quando amore e amicizia si intrecciano

Tempo di lettura: 4 minuti

Ania e Stephanie, Akira e Fumi sono amiche del cuore, o forse qualcosa di più, come andrà a finire?!

Butterfly Effect della 23enne Giulia Della Ciana , giunto già al II volume, è un altro shoujo manga all’italiana pubblicato dalla casa editrice Mangasenpai. Aoi Hana è stato realizzato dalla mangaka giapponese Takako Shimura ed è pubblicato dalla casa editrice Renbooks, specializzata in manga e fumetti LGBT.

I personaggi di Aoi Hana
I personaggi di Aoi Hana

La storia

Ania d’Amico è una bellissima ragazza dai capelli color prugna, gentile, introversa, che ama disegnare. Un giorno per caso si scontra (un po’ come Licia e Mirko!) con Stephanie Grandi, la forte ed emancipata figlia del preside che immediatamente, grazie alla sua sfrontatezza (è davvero cool!) conquista l’amicizia di Ania, che a poco a poco, grazie alla nuova amica, si apre al mondo e all’amore (e vai!). Grazie a Steph, Ania conosce nuovi amici e si innamora del misterioso Dante, ma purtroppo non è ricambiata (peccato il ragazzo merita davvero). Per fortuna c’è Stephanie che, onnipresente nella sua vita, aiuta l’amica a superare questo momento. Un anno dopo Ania e Steph sono sempre più amiche e scopriamo che entrambe sono fidanzate con due ragazzi davvero intriganti: Alessio, il ragazzo di Ania, è sexy e intraprendente; mentre il ragazzo di Stephanie è simpatico e gentile. Anche tu noterai che tra le due ragazze si è creato un rapporto profondo ed intenso, come una piccola farfalla che inizia a volare su e giù nelle loro vite, intrecciando il loro destino che forse è unito dal famoso filo rosso?

Akira e Fumi sono le protagoniste di Aoi Hana (Fiori azzurri), due amiche d’infanzia che, dopo essersi perse di vista per dieci anni, si ritrovano nella stessa scuola superiore(adoro le coincidenze). Sai bene che l’amicizia quando è profonda non teme la distanza, infatti le due ragazze si ritrovano, mentre diversi personaggi, familiari e compagni di scuola,le aiuteranno a crescere. La timida Fumi fa amicizia con un’altra studentessa di nome Yasuko, una bellissima ed estroversa ragazza di ben 3 anni più grande. Il loro rapporto si trasforma ben presto in una storia d’amore. Nel frattempo Akira si unisce al club drammatico con la sua amica e compagna di classe Kyoko, anch’ella segretamente innamorata della bella Yasuko, che nemmeno la degna di uno sguardo (la ragazza è fedele alla sua Fumi). Fumi entra in crisi: dire o non dire in nome della loro amicizia del suo coming out alla sua Akira? E Fumi ed Akira resteranno soltanto amiche del cuore? Dal primo numero potrai capire che i colpi di scena saranno parecchi.

L'incontro-scontro tra Stef e Ania
L’incontro-scontro tra Stef e Ania

Personaggi profondi e delicati

Butterfly Effect è ambientato a Roma, in scenari realmente esistenti che aggiungono ulteriore realismo a questo manga. Giulia Della Ciana riesce a dare profondo spessore ai suoi personaggi, trattando con molta delicatezza il tema del’amore per una persona del nostro stesso sesso: fin dalle prime pagine si comprende che, Stephnie, anche se fidanzata, prova un affetto che va oltre l’amicizia per la dolce Ania, che non sappiamo se mai corrisponderà. Infatti Steph con coraggio chiude a chiave i suoi sentimenti per il bene dell’amata.
Aoi Hana è catalogato come uno yuri, ma a mio giudizio, qualsiasi forma d’amore è degna di essere raccontata, soprattutto in tempi come i nostri. A differenza di Butterfly Effect, Aoi Hana infatti pone l’accento immediatamente sull’amore tra Fumi e Yasuko, tra le due scatta anche più di un bacio, molto soft e davvero romantici.

Disegni curati e delicati

In Butterfly Effect altrettanto ben riuscita è la caratterizzazione grafica dei personaggi: Ania ha occhi grandi e tondeggianti, lunghissimi capelli che non ha mai tagliato in ricordo del padre, il suo abbigliamento è molto femminile e ciò da una sola occhiata ci fa capire il suo carattere ingenuo, tenero, schivo, ma non per questo remissivo. Stephanie invece si trucca molto, ha occhi furbetti da gatta (l’adoro!), veste in modo casual restando comunque sexy, si nota subito che è una ragazza energica, allegra, determinata, ma forse sotto sotto è più debole dell’amica. Per quanto mi riguarda, se una giovane mangaka alla sua prima esperienza riesce con un solo disegno a trasmettere così tante emozioni, direi che è promossa a pieni voti.
Anche con i suoi disegni minimali, eterei, Aoi Hana dona infinita dolcezza ai rapporti tutti al femminile della sua opera: le nostre eroine sono raffigurate con l’onnipresente marinaretta, con pochi retini e sfondi minimali, proprio per mettere in risalto i personaggi.

Ania e Stef nella cover del capitolo 0 inizialmente pubblicato onlline.
Ania e Stef nella cover del capitolo 0 inizialmente pubblicato onlline.

C’è sempre un però…

Entrambi i manga sono pubblicati da due piccole case editrici italiane, quindi la periodizzazione dei due manga è di 2 volumi annuali, l’unico vantaggio di Aoi Hana è che in Giappone è terminato con il 10 volume, mentre Butterfly Effect ha all’attivo 2 volumi e entro l’estate vedremo il volume 3 (piccola esclusiva della vostra Sensei).

Compriamo i manga italiani! Sosteniamo i nostri talenti!

Come sempre ti invito a dare fiducia al manga italiano, ai nostri straordinari talenti come quelli della Mangasenpai.
Butterfly Efferct mi ha davvero colpito, ritengo sia una lettura adatta a tutti, sia alle giovani eterne romantiche sia alle sensei come la sottoscritta, abituate ai clichè dello shoujo. Aoi Hana, essendo uno yuri, potrebbe non convincerti, invece se ami le atmosfere delicate, i batticuori e le emozioni pure ti consiglio vivamente di leggerlo. Prova a vedere l’anime sottotitolato in italiano su Youtube, non te ne pentirai.

Adesso tocca a te: Hai letto questi manga? Ti sono piaciuti?


0 Commenti

Scrivi un commento, facci sapere la tua opinione 🙂

XHTML: Puoi usare i seguenti tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>