Leggende dal Giappone: la Spada del Paradiso

Tempo di lettura: 3 minuti

Ama no Murakumo è una spada leggendaria, protagonista della mitologia shintoista, chiamata anche Ama no Murakumo no Tsurugi o Kusanagi no Tsurugi.

Spesso presente in anime, manga e videogiochi giapponesi, insieme allo Specchio di forma ottagonale e alla Gemma, la spada fa parte di uno dei Tre Tesori Sacri di Yamato, simboli della dea del sole Amaterasu. Fanno parte delle insegne imperiali visibili soltanto all’imperatore stesso e ai monaci che li custodiscono.

Il mito

Il dio del mare e delle tempeste, Susanoo
Il dio del mare e delle tempeste, Susanoo

Secondo il Kojiki (il più antico testo letterario giapponese) la nascita di questa leggendaria spada ha inizio con l’incontro tra Susanoo, il dio del mare e delle tempeste e una famiglia disperata, che aveva dovuto sacrificare sette figlie vergini al mostro ad otto teste Yamata no Orochi, per evitare che con la sua ira devastasse la provincia della regione di Izumo. La loro ultima figlia Kushinada, rischiava di essere scelta anche lei per questo sacrificio. Susanoo conosciuta la ragazza se ne innamora immediatamente, grazie alla sua bellezza ed eleganza, così decide di aiutarla in cambio della sua mano.

Susanoo fa preparare otto barili di sake di fronte alla porta di casa della famiglia, dove si sarebbe presentato il mostro. Yamata no Orochi non tarda a presentarsi per reclamare la fanciulla, trovando gli otto barili li beve tutti, ubriacandosi e addormentandosi. Immediatamente Susanoo esce dal suo nascondiglio e recide le teste del mostro, sconfiggendolo per sempre. Una variante del mito racconta che il mostro era ancora sveglio quando Susanoo decise di affrontarlo e che solo dopo un lungo combattimento il dio ebbe la meglio sul mostro.

Dopo la morte di Yamata no Orochi, il dio iniziò a tagliare le code del mostro e quando arrivò all’ottava la sua spada non riuscì a reciderla perchè all’interno della coda era nascosta Ama no Murakumo, poi chiamata Kusanagi. Un’altra versione della storia dice che la coda che conteneva la spada fosse la quarta e non l’ottava.

In una delle diverse narrazioni, la leggenda si conclude con la consegna della spada alla dea del sole Amaterasu, sorella di Susanoo, che gliela dona per riconciliarsi da un antico litigio. Il secondo nome che invece viene dato alla Spada del Paradiso, Kusanagi, per alcuni significa Spada del Serpente, perchè in giapponese antico kusa significa spada e nagi vuol dire serpente. Altri preferiscono credere alla storia del grande guerriero Yamato Takeru, a cui fu regalata la spada dalla zia, la principessa Yamato del Tempio di Ise.

Durante una spedizione di caccia Takeru cadde in un’imboscata, un perfido signore della guerra lo intrappolò in un cerchio di frecce infuocate, uccidendo il suo cavallo per impedire al ragazzo di scappare. Takeru disperato inizia ad agitare la spada regalatagli dalla zia e scopre che ha il potere di controllare il vento, così riesce a liberarsi dalla trappola di fuoco e decide di chiamare l’arma Kusanagi, letteralmente Spada Falciatrice d’Erba.

Verità o leggenda?

Nessuno sa quale sia l'aspetto di Ama no Murakumo e se esista realmente
Nessuno sa quale sia l’aspetto di Ama no Murakumo e se esista realmente

Si dice che Ama no Murakumo sia attualmente conservata nei pressi del Tempio di Atsuta, anche se non è possibile provarlo a causa del divieto di accesso al pubblico, ma c’è la testimonianza di un sacerdote shintoista che ha visto la spada durante il periodo Edo. Secondo la sua descrizione sarebbe lunga 84 cm, forgiata con un metallo di colore bianco e in buono stato. La tv nipponica ha chiesto ai monaci di poter riprendere la spada, ma quest’ultimi si sono rifiutati di mostrare l’arma, senza negare la sua esistenza o il fatto che sia custodita nel tempio. Questo però non darà mai la certezza che la spada esista veramente, così che la sua storia rimanga per sempre avvolta nel mistero.

Conoscevi già la storia della Spada del Paradiso? Ti piacerebbe poter vedere i Tre Tesori Sacri di Yamato?


0 Commenti

Scrivi un commento, facci sapere la tua opinione 🙂

XHTML: Puoi usare i seguenti tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>