Shoujo dal punto di vista di lui: quando i ragazzi sono protagonisti!

Tempo di lettura: 3 minuti

È una realtà universalmente riconosciuta che quando si ha a che fare con uno shoujo manga, il 90% delle volte la protagonista è una ragazza, ma cosa succederebbe se ci trovassimo a leggere uno shoujo che narra le avventure del restante 10%? Si, uno shoujo tutto al maschile!

Oggi sono qui per parlarti di un tipo di shoujo non troppo diffuso, infatti è difficile avere questo genere di fumetti completamente dal punto di vista maschile, eppure due mangaka ci hanno provato riuscendo nell’impresa. Dimenticate le fanciulle che sognano l’amore e tutti i loro cliché perché oggi parliamo di Seiho High School Men’s e Rainbow Days, dove saranno i ragazzi a dare sfogo ai loro patimenti adolescenziali tra i banchi di scuola.

Seiho High School Men’s: ragazzi repressi in un istituto maschile

 I ragazzi della scuola superiore Seiho
I ragazzi della scuola superiore Seiho

Un perfetto esperimento shoujo con protagonisti dei ragazzi! I nostri protagonisti non se la passano molto bene, infatti sono studenti di un collegio superiore maschile isolato dal mondo, in mezzo alle montagne e il mare, non per niente soprannominano la loro scuola Alcatraz: per loro è proprio una prigione! Ora pensate alla loro disperazione e a quanto sia abbagliante una ragazza quando se la ritrovano davanti, infatti tutto il fumetto ruota attorno agli istinti maschili che fremono per il sesso opposto. Quante riviste sconce saranno nascoste sotto i loro letti?

La cosa divertente, è che il loro isolamento li ha portati ad avere difficoltà ad approcciarsi con le ragazze, infatti molti di loro sono decisamente imbranati e temono che non avranno mai una ragazza prima di lasciare la scuola. La situazione è tragica per loro ma divertente per noi.

È davvero un manga che non devi lasciarti scappare, mi è piaciuto anche come hanno affrontato i loro sentimenti, infatti molti di loro hanno sofferto d’amore in passato, e le vecchie ma intense cotte torneranno a galla ostacolando il presente: quando vedono una ragazza carina l’ormone scatta subito, poi appena quando la situazione si fa più intima il passato bussa alla porta.

Izumi Kaneyoshi ha fatto un bel colpo, dandoci un manga simpatico e spigliato, divertente e coinvolgente, dove non mancano i siparietti comici e i momenti dolci, meno male che la Planet Manga è riuscita a farcelo arrivare in Italia!

Rainbow Days: imbranati alla carica

 I quattro protagonisti di Rainbow Days
I quattro protagonisti di Rainbow Days

Questo shoujo è molto recente, è arrivato in Italia alla fine del 2015 con la Star Comics, e sta conquistando al mondo anche grazie l’anime.

Cosa avrà mai di speciale questo shoujo? La storia di quattro ragazzi tra i banchi di scuola (mista questa volta). Abbiamo quattro amici molto legati che ricoprono i ruoli dell’adolescente sensibile e imbranato, quello bello e popolare, poi il vivace ma sadico e l’intelligente otaku, l’unico ad avere una ragazza. Le loro vicende sono l’alternarsi di classici episodi scolastici, club sportivi, gite divertenti e ragazze carine .

Le coppiette che si formano  sono palesi quasi da subito, ma sarà divertente vedere questi ragazzi in azione per conquistare la ragazza che ha catturato la loro attenzione, e poi si sa quando siano sensibili al brivido della caccia soprattutto in età adolescenziale.

Ti divertirai a vedere il sensibile Nacchan, alter ego maschile delle protagoniste shoujo, mentre cerca di attirare l’attenzione dell’ottusa Anna, oppure quando il popolare Mattsun si ritroverà attratto da Mari, l’unica ragazza immune al suo fascino. È sicuramente meno esplicito sessualmente rispetto Seiho High School, ci sono giusto le fantasie sadiche di Kei-chan che allontanano le ragazze. Ne vedrai delle belle!

Altri manga con “lui” protagonista!

Rainbow Days e Seiho High School Men’s sono sicuramente gli esempi più succulenti per chi vuole provare questo tipo di shoujo, ma altre mangaka hanno già provato a fare questo esperimento, Cuore di Menta di dice niente? La famosa Wataru Yoshizumi ha messo come protagonista un gemello che per un serie di eventi deve travestirsi da ragazza, una commedia degli equivoci molto divertente.
Poi c’è Otomen dove il protagonista è un ragazzo costretto a nascondere i suoi hobby femminili per non perdere la sua virilità.

Takeo il protagonista di Ore Monogatari
Takeo il protagonista di Ore Monogatari

E hai mai sentito parlare di Ore Monogatari? È uno shoujo molto famoso in Giappone negli ultimi anni, sempre in vetta alle classifiche, e il suo protagonista è un ragazzo grosso, dall’aria minacciosa ma con un grande cuore, purtroppo però fatica a trovarsi una ragazza.

I protagonisti maschili nell’universo shoujo ci sono ma sono sempre in minoranza, li puoi trovare come co-protagonisti insieme ad una ragazza, ma ho notato spesso che cadono in secondo piano. Quando il protagonista è un ragazzo lo shoujo punta alla comicità, diventando una commedia degli equivoci, mostrandoci il lato imbranato del sesso maschile quando hanno a che fare con ragazze, insomma non sono tutti dei principi e non sognano quasi mai il vero amore all’inizio, il desiderio maschile ruota molto di più attorno “Oh! Una ragazza carina” oppure “Voglio una ragazza”, e poi quando si innamorano restano fregati!

Hai letto qualche titolo di questi? Conosci altri shoujo che hanno come protagonista un gruppo di ragazzi o un ragazzo? Ti piace questo tipo di shoujo? Io trovo che sia divertente quando sono i ragazzi protagonisti, ti invito davvero a provare questi manga!

0 Commenti

Scrivi un commento, facci sapere la tua opinione 🙂

XHTML: Puoi usare i seguenti tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>