San Valentino, negli shoujo e nella vita reale, è così diverso?

Tempo di lettura: 3 minuti

La festa degli innamorati, la festa per eccellenza del cioccolato e dei regali, negli shoujo è d’obbligo questa festa, ma siamo sicuri che negli anime e manga questa festa è rispecchiata a dovere? Sarà davvero come è descritta? Resta qui e lo scoprirai!

Ciao lettore o lettrice, benvenuto/a ! Il 14 febbraio è già passato, ma non voglio assolutamente perdere l’occasione di raccontarti come è in realtà il giorno di San Valentino per i giapponesi! Ovviamente è la festa degli innamorati, e questo si sa, è anche il giorno delle dichiarazioni d’amore (ovviamente sono le ragazze a doverlo fare, PER ME NON E’ GIUSTO XD), ma è anche il giorno in cui colleghe di lavoro portano cioccolatini al superiore o ai colleghi, ma facciamo un passo alla volta:

Iniziamo! Let’s start! ???????!?^.^

Un amore unico arriva fino al cielo” – Proverbio giapponese

Un po’ di storia

Personaggi di Maid-sama!
Personaggi di Maid-sama!

La festa di San Valentino è stata introdotta completamente in Giappone a metà del ‘900, poichè è stata introdotta solo a fini commerciali come festività (ahimè non era partito da solo) molte compagnie verso il 1930 iniziarono a fare varie pubblicità per iniziare a vendere dei dolci di cioccolato già preparati ed evitare la fatica di farli poi a mano a casa. All’inizio queste pubblicità non ebbero tanto successo, ma finalmente all’inizio degli anni 50 una pubblicità dei grandi magazzini Isetan (posso confermare che è una catena di supermercati molto famosi e diffusa in Giappone!) ebbe un sacco di successo e iniziò a vendere un sacco di dolci e di cioccolato. Ovviamente erano soprattutto le teenagers che volendolo dare al ragazzo che gli piaceva hanno iniziato a creare dolci da sole, oppure, per paura che quelli che facevano con le loro mani rischiassero di essere cattivi di gusto, già comprati! (Anche io avrei paura a darglieli! faccio schifo in cucina).

Questa vendita improvvisa partì da lì, fino ad arrivare ai giorni nostri dove ormai è una tradizione che le ragazze nel giorno di San Valentino regalino del cioccolato ai maschietti 🙂 . Insomma poi dai PARLIAMONE! Quale ragazzo non sposerebbe una ragazza che gli regala cioccolato a go go?!

Vari tipi di cioccolata e tutto dipende a chi la ragali?

 Sakura di Card Captor Sakura
Sakura di Card Captor Sakura

Esatto, esistono vari tipi di cioccolata, e tutto dipende solo a chi la regali, perchè in Giappone il giorno del 14 febbraio sono solo le ragzze a fare regali ai ragazzi, come già ho detto, e insomma non la regalano solo a chi amano ma anche ad altre persone! Eccovi la lista:

  • La Gari-choko , che significa “cioccolata dell’obbligo” è la cioccolata che viene ragalata dalle ragazze per i colleghi di lavoro e compagni di classe, solitamente è un tipo di cioccolata super economica, e le ragazze regalano questo tipo di cioccolata perchè “lo fanno tutti, e quindi è buona maniera se lo faccio anche io”
  • La Tomo-choko , che significa “cioccolata dell’amico” è come suggerisce il nome, viene regalata dalle ragazze ai veri amici, alcune volte anche ad altre ragazze 🙂
  • La Honmei-choko , che significa “cioccolata del prediletto” è la cioccolata destinata a QUELLO, l’UNICO, il VERO e SOLO ragazzo a cui ci si vuole dichiarare oppure anche solo far capire i propri sentimenti. Ovviamente viene anche regalata al proprio fidanzato o marito (quindi non è una festa solo per teenagers 😉 ). Molto spesso questa cioccolata viene preparata e confezionata in casa, e si sa come sono furbe le nostre giapponesi hahaha semplicemente sciolgono il cioccolato comprato a bagnomaria e poi lo mettono nello stampo a cuore, ma sopra ci scrivono sempre o con il cioccolato bianco oppure con una crema ????? (Aishiteru “Ti Amo”), CHE COSA ROMANTICAAAA, oppure vanno a comprare dei dolci già preparati ma di una marca più prestigiosa di quella che comprano per colleghi e compagni di classe.

Ma alla fine, la realtà è davvero uguale agli shoujo?!

Sawako e Shouta di Arrivare a te
Sawako e Shouta di Arrivare a te

Si, decisamente. Ho avuto la fortuna di avere molte amiche giapponesi che mi hanno raccontato che negli anime e manga non tutto è vero, ma su questo gli anime e i manga raccontano il vero. Ovviamente essendo che gli shoujo sono generalmente per ragazzi e ragazzine i mangaka (chi scrive i manga) tendono a pensare che queste persone siano più attratte dall’idea di vedere una ragazza che regala la famosa Honmei-choko all’amato e non pensano di far vedere nell’anime gli altri due tipi di “amori” che ci si regala a San valentino, però esistono anche loro. 🙂

Tutto sommato è una festa che adoro, e credo che i Giapponesi la vivono in un modo più romantico di noi, perchè quando si avvicina questa festa tutte le città si riempono di dolci, luci, cuori e tante coppiette che girano mano nella mano. Che bello!

Comunque anche i maschietti alla fine devono ricambiare e quel giorno è il White day… ma te ne parlerò in un altro post! Promesso 😉

Ora dimmi, che ne pensi di San Valentino? Come vedi questa festa negli anime e manga? La trovi un festa indispensabile negli anime shoujo essendo che parlano d’amore? Vuoi anche la spiegazione del White Day? Scrivi un bel commentino qui sotto 😉 Alla prossima! <3


0 Commenti

Scrivi un commento, facci sapere la tua opinione 🙂

XHTML: Puoi usare i seguenti tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>