Mangaka

Kyousuke Motomi

Tempo di lettura: 3 minuti

Nome e Cognome: Kyousuke Motomi

Data di nascita: 1 Agosto

Segno Zodiacale: Leone

Gruppo Sanguigno: 0

Sesso: Femmina

Località: ND

Indice dei contenuti

Biografia

Sulla vita privata di Kyousuke Motomi sappiamo ben poco. Dal punto di vista professionale invece, ha debuttato nel 2002 con Hetakuso Cupid (Cupido Pasticcione) sulla rivista Betsucomi che ha ospitato e tutt’ora ospita le sue opere.

Kyousuke Motomi è in verità una donna che utilizza lo pseudonimo di un uomo. La mangaka si diverte spesso a confondere le acque disegnandosi con i baffi o parlando di cose da uomini!
Ama Doraemon, leggere i libri di Haruki Murakami, i ninja e l’album di Lisa Loeb ‘Tails’. Qualche volta disegna anche manga non shoujo.
Ha praticato il Kyudo (L’antica arte del tiro con l’arco Giapponese) all’università e ha voluto far rivivere quei ricordi e quell’esperienza sotto forma di manga in Freccia Danzante.
Adora le profumerie e comprare accessori per il bagno.

Stile

Kyousuke Motomi ha riscosso un grande successo grazie al suo stile moderno ed accattivante, con disegni puliti e abbastanza curati. Il suo genere sono le commedie scolastiche, differenziandosi però dalla massa grazie a spunti originali, storie d’amore molto dolci e ad una vena di comicità quasi demenziale.

Opere

  • Hetakuso Cupid (2002)
  • Otokomae! Beads club (2004): volume unico. Ibuki è una ragazza cresciuta a colpi di karate ed è decisamente poco femminile. Però per trovare la sua vera anima gemella, dopo il trasferimento nella nuova scuola è determinata a comportarsi come una vera signorina. Eppure, già durante il suo primo giorno ha destato dei sospetti di uno strano tipo… .
  • Purikyu (2005): volume unico che vede protagonista Anna, ex ballerina che inizia a praticare il kyudo .
  • Penguin Prince (2006): volume che raccoglie 4 storie brevi, la prima delle quale dà il titolo al volume. Ranko ha un aspetto che incute timore e per questo da sempre a scuola è soprannominata “la strega”; al contrario Murakami è un bel ragazzo e per questo è chiamato “il principe”. Un giorno, Ranko scopre il segreto più grande e imbarazzante di Murakami. Comprendendo quindi le difficoltà che Murakami si trova ad affrontare come idolo della scuola, Ranko comincia a conoscere il vero significato dell’amore .
  • Seishun Survival (2006): volume che raccoglie 4 storie brevi, l’ultima delle quali è un capitolo extra di Otokomae! Beads Club. I viaggi estivi al campeggio si presuppone che siano piacevoli e divertenti, invece perché Kiriko dev’essere sempre così sfortunata? Tutta colpa di quel quattrocchi che si è perso nel bosco insieme a Hana. E così Kiriko e Satoru sono andati a cercarli, ma… si sono persi anche loro! .
  • Beast Master (2007): miniserie in 2 volumi. Yuiko ama gli animali che, purtroppo, non ricambiano questo suo amore e scappano da lei! Quando arriva un nuovo compagno di classe, Leo, che assomiglia di più ad un animale selvatico che a un ragazzo, Yuiko ne è subito incuriosita. La ragazza sarà in grado di domare questa furia selvaggia o, come tutti gli altri animali, anche lui scapperà da lei? .
  • Dengeki Daisy (2007): composta da 16 volumi, è la serie più lunga e famosa dell’autrice. Teru, dopo aver perso suo fratello, ha una sola persona a vegliare su di lei e proteggerla: Daisy, un ragazzo che lei non ha mai visto ma con il quale si tiene in contatto solo tramite cellulare che il fratello le aveva dato. Un giorno, per ripagare un danno, Teru finisce col diventare la serva al custode della scuola, un misterioso ragazzo ex-teppista… .
  • QQ Sweeper (2014): in 3 volumi, parla di una ragazza rimasta orfana e di un ragazzo ossessionato dalla pulizia .
  • Queen’s Quality (2015): è il sequel di QQ Sweeper ed è ancora in corso su Betsucomi .

Contatti

Twitter: Account Twitter di Kyousuke Motomi (account in giapponese)

0 Commenti

Scrivi un commento, facci sapere la tua opinione 🙂

XHTML: Puoi usare i seguenti tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>