Mangaka

Natsuo Kumeta

Tempo di lettura: < 1 minuto

Nome e Cognome: Natsuo Kumeta

Data di nascita: 27 luglio

Segno Zodiacale: ND

Gruppo Sanguigno: ND

Sesso: Femmina

Località: Prefettura di Aomori, Aomori, Giappone

Indice dei contenuti

Biografia

Natsuo Kumeta nasce nella prefettura di Aomori e si diploma nel 2001 all’accademia d’arte Sendai nella prefettura di Miyagi (dove risiede attualmente). Dopo il conseguimento del diploma vince un concorso indetto dalla Square Enix con By Silent Festival e debutta come professionista.

Stile

Occhi grandi e nasi abbozzati, è a questo che ci troviamo di fronte se sfogliamo le opere della Kumeta, caratterizzate essenzialmente da un tratto semplice e poco pretenzioso, che non si impone tra i tanti stili delle altre mangaka e che di sicuro non eccelle per qualche qualità in particolare.
È un tratto che sembra sempre un tantino acerbo, ma tutto sommato svolge discretamente il suo lavoro e le vignette vantano anche degli sfondi qua e là.

I retini purtroppo sono presenti in quantità misurata, giusto per creare qualche atmosfera, e poiché anche il chiaroscuro è assente, i visi si mostrano molto semplici, con a malapena un accenno d’ombra sotto il mento, e di sicuro poco espressivi.
Tale mancanza di profondità, sia nei corpi che negli ambienti, rende le tavole della Kumeta piatte e anonime e dunque prive di particolare interesse.

Opere

  • By Silent Festival (2004)
  • News Parade (2005): volume unico.
  • Keitai Guuwa (2008): raccolta di storie brevi.
  • Bokura no Kiseki (2008): è l’opera più lunga e famosa dell’autrice che l’ha portata al successo .

Contatti

Sito web: Il sito di Natsuo Kumeta (sito in giapponese)

Twitter: Account Twitter di Natsuo Kumeta (account in giapponese)


Credits

Co-Autore: La stesura del paragrafo dello stile è a cura di Fu-chan.

0 Commenti

Scrivi un commento, facci sapere la tua opinione 🙂

XHTML: Puoi usare i seguenti tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>