Mangaka

Yumiko Oshima

Tempo di lettura: 4 minuti

Nome e Cognome: Yumiko Oshima

Data di nascita: 31/08/1947

Segno Zodiacale: Vergine

Gruppo Sanguigno: B

Sesso: Femmina

Località: Otawara, Prefettura di Tochigi, Giappone

Indice dei contenuti

Biografia

Yumiko Oshima nasce il 31 agosto del 1947 nella prefettura di Otawara Tochigi, è del segno della vergine. È una delle “favolose del ’49”, mangaka famosissime che hanno rivoluzionato il concetto di shoujo manga e che erano nate intorno al 24° anno dell’epoca Showa, il 1949 appunto. La Oshima debutta nel 1968 con Paula no Namida (le lacrime di Paula) su Margaret, e dieci anni dopo, nel 1978, riceve il Kodansha Manga Award per Wata no Kuni Hoshi, mentre nel 2008 vince l’Osamu Tezuka cultural prize con Goo Goo Datte Neko de Aru, dedicata al suo grande amore per i gatti. Nel 1997 le è stato diagnosticato un tumore maligno alle ovaie per il quale ha subito un intervento e si è sottoposta a chemioterapia.

Aveva un gatto, Sava, che le ha fatto compagnia dal 1982, fino alla sua morte nel 1995. La Oshima era distrutta dalla perdita e era reticente all’idea di adottare un altro gatto, fino a Goo Goo, che l’ha molto aiutata a superare quel brutto periodo. Da allora il suo amore per gli animali è cresciuto a dismisura e ora ha più di 10 amici a quattro zampe, tra cui anche dei cani.

Stile

Analizza la psicologia e l’io dei suoi personaggi nel profondo e nel loro intimo. La grafica è minimalista, semplice ed essenziale. Leggendo le sue opere, come ha affermato Matt Thorn, si crede di essere nel bel mezzo di una storia piacevole e spiritosa invece ci si ritrova coinvolti in una serie di colpi di scena che, a volte, lasciano il lettore in lacrime. I suoi personaggi sono molto introspettivi e si auto analizzano ma vengono anche mostrati come sono. 

Opere

  • Paula no Namida Pell no Namida (1968):
  • Tanjou! (1970): Shoujo. Asami rimane incinta di Takashi, il ragazzo che ama, e decide di tenere il bambino. La migliore amica di Asami nel frattempo scopre di essere stata adottata. Takashi, nonostante la disapprovazione di tutti, la sostiene e promette di sposarla una volta terminato il liceo, ma…
  • Sakura Jikan (1972): Josei.
  • Noibara Shouen (1973): Shoujo.
  • Mimoza Yakata de Tsukamaete (1973): Shoujo.Haruka è insegnante in una scuola secondaria e decide di stabilirsi nel palazzo Mimoza, il proprietario le offre un affitto basso ad una condizione: aiutarlo a preparare la cena ogni sera. Haruka accetta, ma resta di stucco il giorno seguente, quando scopre che il proprietario del palazzo è uno studente della sua classe!
  • Joker e… (1973): Shoujo.Il protagonista subisce un incidente che porterà un bel cambiamento nella sua vita.
  • Nazuna yo Nazuna (1974): Shoujo.
  • F-shiki Ranmaru (1975): Shoujo.Contenente le storie brevi Freud Shiki Ranmaru, Subete Midorininaru Hi made, Kisetsufuu ni Notte e Nagori no Natsu no
  • Ichigo Monogatari (1975): Shoujo.Ichigo è una ragazza di quattordici anni giapponese, ma cresciuta in Lapponia, dopo la morte del padre si trasferisce da Ikuta Rintaro, un ragazzo conosciuto in Lapponia, e la sua famiglia. Ichigo sogna di potersi sposare con Rintaro un giorno, ma è molto malata…
  • Rodian Romanovich Raskolnikov (1976):Shoujo. Raccolta di storie brevi.
  • Sayonara Onnatachi (1976): Shoujo.
  • Banana Bread no Pudding (1978):Shoujo. Ira Miura è triste perché la sorella sta per sposarsi e così decide di sposarsi anche lei. Quest’opera è considerata una delle migliori dell’autrice dai fan della Oshima.
  • He His Him (1978): Shoujo.Storia breve che narra di una ragazzo e della sua cotta per una cantante di successo.
  • Kusakanmori no Hime (1978): Shoujo.Contiene le storie brevi Kusakan no Hime, Haine Yonde, Yohane Gasuki e Itai Natsume Itakunai Natsume.
  • Wata no Kuni Hoshi (1978):Shoujo.Chibi neko è una gattina che è stata abbandonata e che non conosce la differenza tra gatti ed esseri umani .
  • Aka suika Ki suika (1979): Shoujo.
  • Tasogare wa Ouma no Jikan (1979):Shoujo.Contenente le storie brevi Hotaru no Izumi, Subete Midorininaru Hi made, Apostrophe S, Shichigatsu Nanoka ni, Kusakanmuri no Hime, Pascal no Mure, Tasogare wa Ouma no Jikan e Mizumakura Hanemakura.
  • Shigatsu Kaidan (1981):Shoujo. Contenente le storie brevi Rose tea ceremony, Kyabetsu Choucho, Page one, Shigatsu Kaidan, Hinagiku Monogatari, Sakura Jikan e Kinpatsu no sougen.
  • Shinjirare Nation (1982): Shoujo.
  • Liberte 144 Jikan (1982):Shoujo.
  • Kinpatsu no Sougen (1983): Shoujo.Contenente le storie brevi Kinpatsu no Sougen, Yumemushi Hitsujigusa, Mizumakura Hanemakura, Ama no kaguyama, Non Regaato e Dahlia no Obi. Nella prima storia principale si narra di Nippori Ayumu, un uomo che a causa di una grave condizione cardiaca, ha vissuto sessant’anni della sua vita chiuso in casa ma un giorno si sveglia e si sente giovane come un tempo.
  • Mizu Makura Hane Makura (1984): Shoujo.
  • Dahlia no Obi (1985):Shoujo. Contenente le storie brevi Yumemishi, Hitsujigaoka, Mizumakura Hanemakura, Kaisoku Hansen, Summer Time, Non Regart, Dahlia no Obi e Rangiri Ninjin.
  • Tsurubara Tsurubara (1988):Shoujo.Contenente le storie brevi di vita quotidiana Tsuruhara Tsuruhara, Natsu no yo no Baku, Dieta, Mainichi ga natsuyasumi e Koi wa Newton non ringo.
  • Akihiko Kaku Katariki (1988): Shoujo.Contenente le storie brevi Akihiko Kaku Katariki, Long Long Cake, Niwa wa Midori Kawa wa Blue e Dahlia no Obi.
  • Diet (1989): Shoujo.Contenente le storie brevi Tsuki no Oodoori, Embrace e Diet.
  • Saba no Aki no Yonaga (1989): Shoujo.Contenente le storie brevi Tsuki no Oodoori, Embrace, Sava no Aki no Yonaga e Watashi no Yane ni Yuki Tsumoritsu.
  • Mainichi ga Natsuyasumi (1990): Shoujo. Raccolta di storie brevi. 1) Mainichi ga Natsuyasumi
    Critica comica della definizione di successo basata sul buon senso giapponese. La famiglia Rinkaiji, a quanto pare, è una famiglia giapponese benestante. Il padre, Nariyuki, lavora in una società d’élite, che conferisce a sua moglie Yoshiko uno status nel loro quartiere suburbano. Ma la figlia Sugina, che lei stessa ha segretamente smesso di andare a scuola perché vittima di bullismo. Un giorno scoprono che Nariyuki ha lasciato il lavoro. Mentre Nariyuki decide di trovare un nuovo lavoro insieme a Sugina, Yoshiko, ferma sostenitrice di una vita basata sull’azienda, scopre presto che il suo mondo va in pezzi. 2) Sava no Aki no Yonaga 3)Watashi no Yane ni Yuki Tsumoritsu
  • Sava no Natsu ga Kita (1990):Shoujo. Dedicato al suo amato gatto, Sava.
  • Koi wa Newton no Ringo (1990): Shoujo.
  • Saba no Natsu ga Kita (1990): Shoujo. Raccolta di storie brevi.
  • Saba Time (1991): Josei.
  • Subarashiki Chuushoku (1991): Shoujo.Contenente le storie brevi Sava no Natsu ga Kita, Koi wa Newton no Ringo e Subarashiki Chuushoku.
  • Okina Mimi to Nagai Shippo (1993): Shoujo.
  • Lost House (1995):Josei. Contenente le storie brevi Aoi Katai Shibui, Hachigatsu ni Umareru Kodom, Lost House e Crazy Garden.
  • Guuguu Datte Neko de Aru (1996): Josei. Dopo la morte del suo gatto, Sava, l’autrice ha avuto difficoltà a continuare la sua carriera di mangaka, non riusciva nemmeno a mangiare e dormire, ma con l’aiuto del nuovo gattino Goo Goo è riuscita a superare la perdita di Sava e ha continuato il suo lavoro. Poco dopo le è stato diagnosticato un cancro: in un primo momento si è sentita demoralizzata e sconvolta ma poi si rè resa conto che esistono nuove prospettive sulla vita e sulla morte.
  • Zassou Monogatari (1999): Josei.Contenente le storie brevi Christmas no Kiseki, Kinmirai Olympic e Zassou Monogatari.
  • Mero Neko (2012): Josei. Serie dedicata ai suoi gatti.
  • Catnip (2012)

Credits

Fonte consultata: Shoujo Manga Outline, callenreese.com (sito non più attivo)

Summary
Article Name
Yumiko Oshima
Description
La biografia della mangaka Yumiko Oshima con info su stile e opere. Autrice del manga Wata no Kuni Hoshi.
Author
Publisher Name
Shoujo Love
Publisher Logo

0 Commenti

Scrivi un commento, facci sapere la tua opinione 🙂

XHTML: Puoi usare i seguenti tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>